wordpress seo

In questo articolo vediamo i semplici passi da seguire per creare un post in WordPress e fare in modo che sia “ben visto” dai motori di ricerca senza addentrarci troppo nei dettagli.
Questi passaggi sono utili per chi ha appena iniziato a scrivere con WordPress e segue il suo blog in prima persona.

  • Andare in Articoli,  aggiungi nuovo
  • Inserire il titolo, usate parole chiave, il titolo è molto importante.
    Se parliamo di un corso di sci a Livigno scriviamo
    “Imparare a sciare – Corso di Sci base a Livigno”
    pensate semplicemente a che parole useranno le persone per cercare un corso di sci a Livigno.
  • Scrivete l’articolo scrivendo di nuovo parole chiave sopratutto  nelle prime righe, ma anche al termine, ribadendo il concetto.
  • Inserite una bella immagine e abbiate cura di compilare i tag “title” e “description” usando parole chiave.
    Sono dei campi che trovate nella maschera di caricamento dell’immagine.
  • Se nell’articolo fate riferimento ad una risorsa contenuta in un’altra pagina del vostro sito linkatela.
    Cercate di linkare il testo che ha parole chiave e non la parola “info” o “qui” come si fa spesso
  • scegliete dei tag dalla colonna di destra e inserite l’articolo in una o più categorie che avrete avuto l’accortezza di creare prima e che contengono parole chiave.
  • Se usate un plugin seo come “All in one Seo Pack” avete la possibilità di specificare un titolo seo, una description e delle keyword.
    Stesso discorso appena fatto, usate parole chiave creando frasi che siano in Italiano corretto e non frasi che sembrino create da un robot impazzito.
Cercate di non commettere errori grammaticali, linkate sempre le risorse esterne se menzionate articoli o citazioni di altri.
Non siate generici, se il vostro articolo tocca più argomenti può essere una buona idea dividerli in più articoli e linkarli tra loro.
Non usate trucchi se l’articolo che scrivete è valido, interessante e ricco di informazioni utili avrà successo.
Andate al punto senza giri di parole.
Woocommerce o Prestahop?

Dopo svariati anni di sviluppo piattaforme e-commerce usando Woocommerce, Prestahop e Opencart vorrei fare il punto della situazione in particolar modo riguardo la scelta tra Woocommerce e Prestashop.

I clienti chiedono Woocommerce

Spesso i clienti con progetti ecommerce di profilo medio basso (piccoli ecommerce) arrivano chiedendo Woocommerce perchè hanno già WordPress.
Oppure hanno sentito parlare della facilità di creazione di un ecommerce con la soluzione WordPress+Woocommerce e si fanno avanti con questa richiesta.
Facilità = poca spesa questo è ciò che i clienti pensano e sicuramente è vero.

Dove sta la facilità di Woocommerce?

Woocommerce si è fatto questa nomea di soluzione di facile utilizzo grazie al fatto che viene installato come un normale plugin sulla già nota e altrettanto semplice piattaforma CMS WordPress.
Woocommerce viene installato come un Plugin nella sua versione base. Tutte le funzioni più avanzate vengono delegate ad altri pplugin e così anche per il multilingua.
Ora vengo al punto. Installare WordPress è facile, installare un tema grafico è facile, installare Woocommerce è facile, installare un plugin di multilingua è facile, installare la miriade di plugin necessari per abilitare tutte le funzioni è facile…è tutto facile finchè si buttano dentro plugin come se fosse carbone dentro la caldaia ma poi le cose si fanno comples vediamo le criticità che ho rilevato nel tempo in cui ho utilizzato Woocommerce:

  1. Il tema grafico di WordPress si interfaccia male con Woocommerce, gli elementi delle pagine prodotti e categorie si visualizzano male, occorre intervenire sui CSS (ecco perchè se si vuole fare un ecommerce con WP+WooC è meglio partire da un tema grafico fatto a posta)
  2. La versione di WordPress deve essere compatibile con quella di Woocommerce e con tutti i plugin
  3. Questa marea di Plugin va spesso in conflitto tra loro, considerate che abbiamo un gestore del mulitlingua+Wordpress+Woocommerce+decine di plugin. Quando si aggiorna un elemento occorre verificare che gli altri siano compatibili.
  4. Tutti questi plugin vanno configurati indipendentemente, il prodotto assemblato che vi ritroverete tra le mani è un prodotto estremamente personalizzato e unico, è il vostro preciso ecommerce fatto di un mix di variabili che avete scelto voi e quindi non si sa bene come reagirà.
  5. La necessità di intervenire con patch, modifiche e personalizzazioni farà si che si generino 2 possibilità: A) Il web designer dovrà chjiedervi ore aggiuntive da pagare B) Il web designer dovrà lavorare il doppio per far andare la piattaforma come si deve con conseguente rottura di palle…e ora vi spiego perchè…

… i Web Master non vogliono usare Woocommerce – Il castello di sabbia.

Quindi riepilogando il cliente arriva e dice “voglio un ecommerce con WordPress” mi hanno detto che è facile da fare e da usare. Il web master ci cade come un pera perchè in effetti chiunque può farvi vedere come sia facile installare tutto in mezza giornata. Poi iniziano i casini … Il multilingua, i plugin, Woocommerce e WordPress iniziano a ribellarsi e i problemi iniziano a manifestarsi, la sensazione lavorando con sistemi di questo tipo è quella di camminare in un campo minato … per aggiornare un plugin basta cliccare un bottone ma spesso questo può generare un sacco di problemi a catena.

Woocommerce è come un coltellino svizzero…ma per operare si usa il bisturi.

Woocommerce raggiunge il suo obiettivo di permettere all’utente di creare un ecommerce con poche risorse. Tuttavia ciò che viene ignorato è spesso il fatto che un sito deve non solo funzionare ora, deve funzionare nel tempo e deve poter soddisfare esigenze nuove che subentrano mentre il progetto cresce.

Ora io non dico che Woocommerce non sia una buona soluzione ma ci tengo a dire che se volete fare un ecommerce di un certo spessore siate pronti a spendere, in termini di tempo e/o denaro, lo stesso rispetto all’uso di una piattaforma come Prestashop nata per l’ecommerce. Tutto il tempo che risparmierete per imparare ad usare Prestahop lo spenderete correndo dietro ai capricci di un sistema instabile.

 

wordpress seo

Sono incappato recentemente in un problema su sito in wordpres per un mio cliente. Avevo bisogno di modificare il file .htaccess per fare dei redirect ma non potevo salvarlo via FTP perchè i permessi erano settati a 444.
Ok allora ho modificato i permessi a 644, modificato il file .htaccess e ricaricato il file sul server se non che il file .htaccess si reimpostava automaticamente su 444  e mi perdeva le modifiche.
Ho fatto vari test e alcune ricerche fino a scoprire che poteva essere colpa di una iniezione malware nel file navmenu.php presente in wp-includes.
Ho quindi analizzato questo file e trovato uno script che mancava in altri file navmenu.php. Ho quindi ripulito il file e ora sembra tutto ok.

Se avete problemi con il file .htaccess che si reimposta da solo a 444 contattatemi per una soluzione.

Co-Working Login

Via Stefanardo da Vimercate 28
20128 Milano (MI) - Italy
  • [+39] 02.871.65.381
  • info@gdmtech.it
  • PI 00865500144
  • CF DMEGZN73A10F205M

Philosofy

I nostri clienti sono aziende e professionisti che vogliono sfruttare Internet per trovare nuovi clienti, aumentare i loro contatti, vendere i loro servizi e prodotti. Oltre alle normali attività di Web Design siamo esperti di ottimizzazione per i motori di ricerca e Digital Marketing. Ci occupiamo di corsi di web marketing in azienda, sviluppo di e-commerce con Opencart e Prestashop e Woocommerce, siti web in Wordpress e Joomla, migrazioni.
Gdmtech - Digital Web Agency Milano
Privacy Policy