seo web agency

Quando arrivano email di richiesta nella nostra Web Agency non sempre rispondo in maniera così articolata, tuttavia a volte si è più calmi e ispirati e si investe un pò di tempo in più anche nel rispondere ad un cliente che ti chiede una strategia per migliorare la sua attività su internet. Ho quindi deciso di riportare questa email “tipica” e farne un articolo visto che io stesso insegno che il copy writing è la migliore strategia per posizionarsi sui motori di ricerca.

Mail ad un cliente

Carissimo Francesco ho capito a pieno la tua esigenza, o per lo meno mi sembra di aver capito 🙂
Dunque, ti espongo la mia idea che proviene da una discreta esperienza di collaborazione con aziende turistiche e non in questi ultimi 5 anni.

Oggi sono tutti a caccia di visibilità, la prima pagina di Google, in settori dove la concorrenza è alta, è diventata un campo di battaglia dove grandi operatori si fanno la guerra a suon di costose campagne Adwords e strategie di posizionamento organico.
I social sono ingolfati di pagine fun, ogni albergo, B&B, operatore turistico ha la sua pagina fan che cerca di far crescere.

Alla luce di tutto questo espongo 2 punti cardine:

  1. non esistono trucchi, o si hanno grandi budget da investire in pubblicità (un click di adwords nel turismo arriva a costare più di 2 euro) oppure si lavora con costanza, perseveranza e passione.
  2. occorre lavorare sulle nicchie, se un cliente mi dicesse voglio essere primo in prima pagina per la ricerca “Hotel Riccione” gli direi che anche se mi da 100.000 euro non riuscirei a farlo arrivare primo in modo organico. Tuttavia potrà essere primo se lavorerà su keyword di nicchia come “Hotel a Riccione con escursioni a cavallo” e cose di questo tipo.

Detto questo occorre avviare una strategia dove tutti gli elementi e gli attori siano coerenti tra loro e ben bilanciati:

  1. un sito web ben fatto, mobile friendly, curato e ricco di immagini
  2. un area blog dove poter fare copy writing costante (scrittura di articoli) che è una delle migliori strategie per indicizzarsi nei motori.
  3. agire in modo costante e corretto sui social media
  4. investire un budget anche sul payperclick, adwords e facebook ad
  5. lavorare sul local advertising (scheda mybusiness>googlemap>Google+)
  6. affiliarsi e instaurare rapporti con club di prodotto coerenti con il nostro business, bike hotels, portali sportivi, associazioni e società.
  7. lavorare con i booking engine, tripadvisor, booking.
  8. fare lead generation, cioè racimolare costantemente i contatti dei clienti e potenziali clienti per proporre reviews su Maps e sui booking engine

Ti allego un immagine che ti fa ben capre quante strategie si posso attuare.

webmarketing milano Gdmtech web agency

Non posso farti un piano specifico perchè sarebbe irrealistico perchè le strategie che funzionano di più sono quelle basate sull’analisi costante dei risultati e sullo spostarsi velocemente su quello che sta meglio fruttando.

In breve posso dire che:

  1. occorre partire da un sito web che abbia tutte le caratteristiche richieste a supportare le strategie che seguono.
  2. fare una ottimizzazione per i motori di ricerca ben fatta
  3. fare il setup di tutti gli elementi esterni (social, maps, mybusiness, google+, search console)
  4. partire con un piano editoriale di copy writing
  5. iniziare a scrivere e condividere con costanza

Questa è la prima fase, tutto il resto va messo dopo e non ha senso a livello di priorità metterlo davanti.
Sarebbe come perdere tempo a modificare l’areodinamica di una macchina quando si hanno ancora le ruote sgonfie.

I primi 3 punti li svolge il web master, il 4 e 5 li dovete svolgere voi dopo aver fatto un mini corso per imparare quanto segue:

  • cosa scrivere
  • come scrivere in modalità seo
  • quanto scrivere
  • cosa fare dopo aver scritto un articolo
  1. Un sito in wordpress in 4 lingue ita/eng/ger/fr costa euro xxxx (nessuno ti vieta di iniziare con un sito monolingua)
  2. l’ottimizzazione per ogni lingua costa xxx/cad (nessuno ti vieta di iniziare con l’ottimizzazione di una sola lingua)
  3. il setup degli elementi esterni (punto 3) costa xxx
  4. il corso di 2/3 ore costa xx euro/ora se presso la nostra sede.

Ora ti lascio alle tue riflessioni

Se hai domande o dubbi scrivimi

Grazie
Graziano

l'impatto del digital marketing sul turismo

In questo articolo andremo a vedere come il digital marketing ha influenzato il turismo. Il settore turistico ha sempre avuto un ruolo fondamentale nelle economie di tutto il mondo e negli ultimi anni e grazie allo sviluppo del digital marketing, è cambiato radicalmente. Vediamo quali sono i cambiamenti e quali sono le abitudini che il web marketing ha creato.

Digital Marketing e Turismo, perchè proprio il turismo è stato maggiormente influenzato dal digital marketing?

Innanzitutto, le prime aziende ad aver utilizzato i servizi che il web offriva sono state quelle dei trasporti e quelle che offrono ricettività.
Fin da subito è stato un metodo efficace per coinvolgere sia i membri della comunità sia i clienti più lontani. La competizione però è diventata spietata in poco tempo ed è stato necessario trovare metodi sempre nuovi per emergere rispetto agli altri. Le strutture ricettive che hanno anticipato le aspettative dei clienti e hanno utilizzato strategie di marketing intelligenti sono riuscite a generare risultati importanti in termini di presenze, fatturati e tasso di occupazione.

La nascita dei Booking Engine: hanno distrutto o aiutato le strutture alberghiere?

Nel selvaggio mondo del web applicato al turismo si sono prepotentemente inseriti i Booking Engine, piattaforme di prenotazione che aggregano le strutture.
Il fenomeno è esploso a dismisura e ormai colossi come Booking o Tripadivsor hanno completamente rivoluzionato il modo di scegliere una vacanza e prenotarla.
I Booking Engine sono strutturati in modo da trattenere commissioni sulle prenotazioni, il loro strapotere è tale da poter chiedere commissioni altissime agli Hotels.

Il Digital Marketing Turistico è presente già in casa

E’ diventato indispensabile, per le compagnie aeree e per gli alberghi, permettere ai nuovi clienti di prenotare i biglietti o le camere direttamente online ( magari attraverso qualche app ) e sopratutto su qualunque tipo di dispositivo. Gli utenti ormai stanno diventando sempre più tecnologici ed è importante che il sito rispetti dei criteri di usabilità. I contenuti devono essere di ottima qualità, approfonditi e possibilmente interattivi al fine di stimolare la conversazione con il cliente.

E’ consigliato anche l’uso di qualche video per stabilire una connessione per potenziali clienti. Attualmente solo le grandi compagnie utilizzano il digital marketing, ma non è escluso che in un futuro prossimo anche le piccole aziende possano sfruttare questo metodo. Ad una buona parte dei clienti però, non basta acquistare soltanto il pernottamento, quindi alcuni alberghi offrono dei pacchetti che comprendono alcune esperienze legate al territorio.

Grazie quindi a queste strategie di marketing e comunicazione, si riesce a creare un clima di fiducia che permette all’utente di prenotare proprio in quel sito. Recenti statistiche hanno infatti dimostrato che solo il 2% dei clienti acquista alla prima visita, il resto lo fa dopo altre navigazioni online per raccogliere informazioni.

Le Esperienze e il Digital Marketing

Il Digital Marketing durante il viaggio

Una volta scelta la destinazione, scelto l’hotel più adatto alle nostre esigenze e prenotati i biglietti, non resta che partire. Il viaggio però può essere molto lungo e spesso noioso. Quindi per migliorare le esperienze di viaggio, sempre più compagnie aeree offrono a bordo un sistema di intrattenimento avanzato, che permette ai passeggeri di guardare film, ascoltare musica, giocare e perfino telefonare, anche con dei costi aggiuntivi. La compagnia aerea WestJet ha creato una collaborazione con la Panasonic Avionics Corporation e ha installato un sistema di intrattenimento che permette agli ospiti delle compagnie aeree di utilizzare i propri dispositivi e di accedere alla libreria multimediale utilizzando il wi-fi. Qui il digital marketing ha creato il bisogno di avere una connessione continua, per poter condividere le proprie esperienze in qualunque luogo e in ogni momento. Soddisfacendo questa necessità si ottiene un vantaggio e un’apprezzamento non indifferenti.

Il Digital Marketing a destinazione

La maggior parte delle persone, prima di partire, svolge ricerche sulla destinazione e una volta lì, le ricerche continuano per i luoghi migliori da visitare. Grazie al wi-fi, pianificare un viaggio è facile quanto visitare un sito web. Per questo le grandi catene alberghiere stanno riconoscendo la necessità di ampliare la gamma della propria offerta per dare ancor più valore ai clienti, come ad esempio l’Hotel Indigo,  ha introdotto un servizio che permette ai propri clienti di esplorare in maniera interattiva la città dove soggiornano. La versione mobile del sito permette ai viaggiatori di vederne i contenuti anche quando si ha a disposizione il wi-fi dell’albergo. Le guide forniscono mappe, informazioni sulle attrazioni locali, sui ristoranti, e perfino il collegamento a Facebook. Utilizzare queste tecnologie che consentono l’esplorazione può stimolare i vecchi clienti o portare all’acquisizione di nuovi clienti.

Il Digital Marketing e i Turisti Italiani

L’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo del Politecnico di Milano ha condotto uno studio sul comportamento del turista digitale italiano dal nome “Digital Tourist Journey“. Sebbene gli italiani sono notoriamente restii all’utilizzo di nuove tecnologie, il turista digitale italiano è presente in tutte le fasi di prenotazione del viaggio. La prima di queste fasi, detta ispirazione, è il momento in cui si viene influenzati dal web e sopratutto dai servizi offerti, anche se, quasi il 46% degli italiani si affida molto al passaparola, il più tradizionale dei metodi.

In conclusione le aziende che hanno così tanto successo grazie alle strategie di digital marketing, sono quelle che prestano più attenzione al modo in cui i clienti interagiscono con ciò che li circonda mentre viaggiano. Soddisfare le aspettative dei clienti aiuta a crearsi una reputazione. La competitività è ormai altissima e la differenza sarà fatta da quei piccoli servizi aggiuntivi che soltanto un professionista del settore digitale è in grado di mostrare, prima all’azienda e poi all’utente.

Prospettive del Turismo nell’era del Digital Marketing

Il mio personalissimo parere è quello che si andrà sempre di più verso l’accentramento dell’offerta nei grossi booking engine. La conseguenza sarà uno strapotere dei Booking Engine che potranno imporre commissioni sempre più alte alle strutture che diventano sempre più “dipendenti” dal Booking Engine.
In definitiva quello che potrebbe accadere, anzi che già accade oggi, è che l’Hotel si trovi a dover pagare anche il 15% di commissioni al Booking Engine. Ma se il 90% delle prenotazioni arrivano dal Booking Engine sigifica che l’Hotel non può che chinare la testa e accettare.
Per ovviare a questo fenomeno le strutture dovrebbero lavorare parallelamente anche a progetti web propri, lavorare su strategie di Web Marketing che portino clienti sui loro siti personali ed eventualmente aggregarsi in piccole associazioni (che poi è quello che dovrebbero fare le APT).

ATTIVITà DEL WEB MARKETING MANAGER

Se sei il Web Marketing Manager di una piccola azienda o una web agency potresti trovarti frustrato davanti alla domanda “cosa faccio oggi?”

Mentre un programmatore o un web designer hanno obiettivi precisi e strategie ben chiare il Marketing Manager no…o si?
In questo articolo vediamo la lista strategica delle attività base di un web marketing manager.

Nota: il Web marketing manager lavora sul sito aziendale e il suo scopo è creare leads, cioè contatti…man mano che il lavoro arriva può spendere le stesse competenze sui progetti dei clienti.

Per questo motivo l’elenco sotto riportato può confondere; la domanda può essere:
questa attività è per l’agenzia o per il cliente? La risposta è dipende da quanto lavoro c’è!

Le attività del Web Marketing Manager proattivo

  1. Crea piani redazionali e scrive articoli informativi in chiave seo, crea contenuti da localizzare su specifiche aree geografiche, crea contenuti multimediali per il sito, infografiche, minivideo, interviste e :
    – li pubblica sul sito agency
    – crea o rimaneggia gli articoli appositamente per fare guest post
    – instaura relazioni con portali e blogger per fare guest posting
  2. Crea white paper in pdf e in seguito:
    – li distribuisce sui canali social, in maniera ripetitiva e trasversale
    – li invia ai clienti sotto forma di newsletter per fidelizzare e creare nuove esigenze
    – li embedda in articoli tematici adhoc
  3. Crea email da inviare ai clienti (o via scambio favore con altre entità) con la “preghiera di pubblicazione” di recensioni positive su google e sui social, con costanza e continuità
  4. Segue gli strumenti di Google search console, Google My Business e Google Map, tenendo aggiornate le schede e monitorando errori e recensioni.
  5. Crea report delle performance del sito per analizzare mensilmente i progressi e migliorare la strategia
  6. Si occupa di ricontattare i clienti mostrando statistiche e progressi, fornendo consigli e proposte
  7. Crea rapporti e segue figure che scrivono per imparare il content writing e che scrivono gratuitamente
  8. Crea strategia di lead clienti attraverso la creazione di form del tipo “chiedi una consulenza”, “sottoponici il tuo progetto”, “analisi seo gratuita” e:
    – li distribuisce sui Social network
    – li propone ai clienti esistenti con cui sono stati realizzati altri servizi (ti ho fatto il sito ma non ti seguo i social)
  9. Crea eventi (corso serale, corso di mezza giornata) gratuiti o a prezzi convenienti per aziende che vogliono aggiornarsi su tematiche web utilizzando come Trainer personale interno
  10. Crea e segue le campagne Adwords e Facebook AD con costanza
  11. E’ costantemente connesso alla chat del portale per rispondere alle domande dei potenziali clienti
  12. Risponde alle mail di richiesta info in entrata e/o prende contatto telefonico/Conference call. Crea e usa strumenti efficaci e moderni
  13. Crea strategie locali inviando mail su clienti profilati con progetti specifici; esempio: invia una email a tutti i ristoranti valtellinesi mostrando il case history di un sito eseguito per un ristorante; oppure decide di creare un sito demo per dentisti da inviare a tutti i dentisti associato ad una proposta commerciale efficace.
  14. Seleziona potenziali clienti con criticità (sito web vecchio, web autority bassa) proponendo servizi gratis! Analisi seo gratis oppure 1 mese di prova per adwords,  fidelizzando un potenziale cliente per una miriade di altri servizi.
  15. Lavora in modo costante e pragmatico sui social network instaurando relazioni con pagine fun e profili con alta autority, creando contenuti virali, multimediali e memes
  16. Se l’azienda per cui si lavora vende prodotti fisici, per il Web Marketing Manager si aprono nuove porte come:
    – seguire i prodotti sui comparatori di prezzo
    – creare offerte e sconti
    – seguire i prodotti sui marketplace come Amazon o eBay
aumentare le visite di un sito web

Come posso aumentare le visite del mio sito web? E’ la domanda che più spesso mi viene rivolta. Tutti vogliono aumentare il traffico web con i potenziali clienti e quindi aumentare le vendite dei prodotti e servizi

Ovviamente non posso non proporvi di leggere il mio Ebook che spiega nel dettaglio 23 cose da fare tutti i giorni per aumentare le visite di un sito web.
La diffusione di siti di Ecommerce ha incrementato ulteriormente l’esigenza di posizionarsi ai primi posti nei motori di ricerca.
C’è molta confusione lato utente su cosa bisogna fare per aumentare le visite di un sito e su chi è la figura professionale adatta a farlo.
Le visite possono essere aumentate pagando servizi payperclick come Google adWords, Facebook Ad e altri oppure lavorando sull’ottimizzazione del sito e sul posizionamento o sui Social network.
Queste sono le due macro aree in ognuno dei casi dovrò comunque rivolgermi a un consulente, un esperto di Web Marketing che può anche essere un Web Designer ma attenzione perchè spesso non è detto che un Web Master sia anche un esperto di SEO e posizionamento.

Vi giuro che potrei andare avanti molto a scrivere in merito alle domande che mi vengono poste, e tutti vogliono la stessa cosa…

Voglio aumentare le visite del mio sito Web,  aiutatemiiii !!!!!

Ogni realtà commerciale o servizio ha una sua storia a parte, vi invito a studiare e leggere in internet quanto più possibile sul posizionamento, l’ottimizzazione e il web marketing in generale perché può davvero dare grandi frutti.
Se non avete tempo e volete raggiungere il vostro obbiettivo fatevi aiutare da un esperto, a tale scopo vi invito a contattarmi per un preventivo o per conoscere quale strategia è possibile attuare per dare visibilità al vostro Sito Web.

Vi invito a leggere i miei articoli

  • 1
  • 2
  • 4

Co-Working Login

Via Stefanardo da Vimercate 28
20128 Milano (MI) - Italy
  • [+39] 02.871.65.381
  • info@gdmtech.it
  • PI 00865500144
  • CF DMEGZN73A10F205M

Philosofy

I nostri clienti sono aziende e professionisti che vogliono sfruttare Internet per trovare nuovi clienti, aumentare i loro contatti, vendere i loro servizi e prodotti. Oltre alle normali attività di Web Design siamo esperti di ottimizzazione per i motori di ricerca e Digital Marketing. Ci occupiamo di corsi di web marketing in azienda, sviluppo di e-commerce con Opencart e Prestashop e Woocommerce, siti web in Wordpress e Joomla, migrazioni.
Gdmtech - Digital Web Agency Milano
Privacy Policy